Progetto Concittadino si prepara!

Progetto Concittadino annuncia l’avvio della campagna elettorale

per le elezioni amministrative

varesine della primavera 2021.

 

Come già annunciato da tempo, il movimento civico riconferma la sua fiducia al Sindaco Davide Galimberti e intende sostenerlo per un secondo mandato.

«Vogliamo dare continuità al percorso iniziato nel 2016, unico movimento politico ad essersi posto costantemente in ascolto dei bisogni del territorio, attraverso una presenza costante, una vera e propria cerniera tra cittadini e Amministrazione” dicono i Concittadini».

Progetto Concittadino resta un movimento politico “civico”, ma non neutrale. La sua azione politica, in città e nelle istituzioni, è ed è stata sempre orientata ad una cultura laica e progressista.
“In questi anni abbiamo lealmente, ma non passivamente, sostenuto l’azione della maggioranza politica al governo della città – dice Enzo Laforgia, capogruppo del movimento in consiglio comunale – mettendo a disposizione dell’Amministrazione il nostro ricco patrimonio di competenze, idee e proposte”. Nei prossimi cinque anni, Progetto Concittadino intende incidere con più forza e maggior peso sulla linea politica della coalizione che si candida a guidare la Città. Riformare finalmente il Piano di governo del territorio; affrontare con coraggio il tema della mobilità, con più attenzione all’ambiente e alla qualità della vita; mettere finalmente in atto un piano regolatore sociale; sostenere soluzioni innovative nella relazione tra Ente comunale e cittadinanza; intraprendere politiche improntate alla solidarietà sociale. Sono solo alcuni dei temi che Progetto Concittadino intende mettere al centro del confronto con le altre forze politiche, che andranno a comporre la futura maggioranza e rispetto ai quali chiederà un preciso impegno da parte di tutte le forze della coalizione a sostegno del sindaco Galimberti.

Nel frattempo, il movimento civico inizia un nuovo tour nei quartieri della città, con il ciclo di incontri “Con(i)cittadini”, che avrà come prima tappa la Cooperativa di Biumo e Belforte, in viale Belforte 165 a Varese, giovedì 17 settembre alle 20.45.

Un ciclo di serate per ascoltare, proporre, progettare insieme una nuova idea di partecipazione. Per una città davvero condivisa.

Nella storica sala di Belforte a dialogare con i cittadini del quartiere saranno:
Dino De Simone, assessore Ambiente Benessere e Sport

Barbara Cirivello, Enzo Laforgia, Dino De Simone e Natalino Bianchi


Enzo Laforgia, consigliere comunale capogrupo di Progetto Concittadino
Sabrina Cosma, consigliera di quartiere – Belforte

E’ consigliata la prenotazione on line su: https://www.eventbrite.com/e/progetto-concittadino-a-belforte-tickets-120085503975

Info: progettoconcittadino@gmail.com

In via di definizione gli incontri di  ottobre in zona Lago – Schiranna, novembre a Bizzozero – Bustecche e dicembre per viale Europa – Cartabbia.

Ma il progetto civico dei “Concittadini” va anche più in là. Oltre al tour dei quartieri è previsto anche un ciclo di incontri chiamato “Alfabeto concittadino”: «Vogliamo definire l’abc del nostro progetto politico – spiega il presidente dell’associazione culturale legata alla lista, Mauro Sarzi Amadè – politiche sociali, ambiente, mobilità, economia e lavoro, cultura: sono i nostri temi nevralgici, fortemente integrati tra loro, su cui bisogna intervenire per disegnare una nuova idea di città».

Due gli incontri già in programma per questo ciclo: il 20 novembre con Rossella Muroni, deputata oggi nel gruppo di LEU, dopo una lunga militanza ambientalista che l’ha portata ad essere presidente di Legambiente nazionale, e in gennaio con Riccardo Mariani, oggi assessore alla Politiche Sociali di Lecco, incarico arrivato dopo dieci anni da sindaco a Mandello Lario.

«Per mettere a fuoco le azioni che una politica nuova, progressista, dovrà intraprendere nella prossima stagione amministrativa, abbiamo pensato di confrontarci con chi, su questi temi, ha già maturato una esperienza significativa» dicono ancora dall’associazione. Qualcosa di più che una scuola di buone pratiche, quindi: un momento per raccogliere le idee e fare il punto per continuare ad occuparsi del cambiamento di Varese, una città che sta finalmente imparando a guardare avanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *