Le scuole di Varese: un anno di attività contro 23 di immobilismo

Lettera al Direttore di Varese News

Caro direttore

c’era una volta una Città Giardino. La gente vi viveva in armonia, pace e serenità. Le poche automobili che la attraversano rappresentavano, per i più, una curiosità. L’aria era salubre, la polenta e le salamelle abbondavano su ogni mensa e tutti si conoscevano e si riconoscevano. Benché fosse una cittadina tradizionalmente accogliente, gli unici stranieri che si fermavano per più di un giorno entro i suoi protetti confini erano svizzeri generosi.

Poi è arrivato il Signore del Male, una sorta di Sauron padano, che, nel breve volgere di dodici mesi ha allungato la sua ombra lunga e nefasta su quel piccolo paradiso. Davide Galimberti: questo è il nome che nessuno vorrebbe pronunciare ad alta voce. In meno di un anno ha chiuso scuole, ha disperso bambini gioiosi e felici in luoghi cupi e desolati, ha riempito la città di orchi, che visibilmente non provengono né dalle nostre terre né dalla vicina Svizzera. Il suo potere deve essere, evidentemente, straordinario…

Questa è la favola che da un anno a questa parte le forze di opposizione cercano di raccontare a quei cittadini, che, dopo ventitré anni, non le hanno volute più al governo della città. Ultimo, in ordine di tempo, arriva ora un consigliere regionale del partito più vecchio della nostra Repubblica, il quale, a proposito di lavori necessari per la messa in sicurezza di un edificio scolastico, la scuola «Canziani», parla addirittura di una perfida manovra dell’attuale Amministrazione, finalizzata a «chiudere l’Istituto per poi poterlo vendere» e, perché no, trasformarlo in «un centro di accoglienza per profughi».

Ora, è indubbio che la Lega Nord sia un ottimo imprenditore politico della paura e che, continuando ad alimentare le paure più diverse, pensi così di garantirsi una costante rendita elettorale. Tuttavia, mi sembra che le affermazioni di questo consigliere regionale siano leggermente sproporzionate. Anche per un partito come la Lega Nord.

I cittadini, eventualmente, si chiedono cosa facevano per le scuole cittadine coloro i quali hanno governato Varese per ventitré anni, se gli edifici cui deleghiamo la custodia del nostro bene più prezioso, i nostri figli, siano ridotti in tale stato pietoso. Ma non sarebbe generoso liquidare così la questione. Sappiamo, anche noi, che la Lega Nord ha sempre avuto un occhio di riguardo per la scuola. Per la scuola «bosina». Gestita dalla family del senatore Umberto Bossi, abbondantemente alimentata con soldi pubblici (proprio quelli della capitale romana, del governo nazionale), che ha avuto tra i pedagogisti di punta personalità come l’ex sindaco della Lega Nord Aldo Fumagalli, che ha chiuso miseramente i battenti quando i rubinetti romani sono stati spenti, lasciando per strada (letteralmente) lavoratori, bambini e genitori.

Enzo R. Laforgia
Consigliere comunale della lista Progetto Concittadino

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *