#10×9, Dimaggio: le scuole varesine più vicine alle famiglie

Progressività delle tariffe, tempi della scuola che corrispondano il più possibile ai tempi delle famiglie e un vero dialogo tra scuole e città, perché gli edifici scolastici possano diventare il centro della cittadinanza attiva.
Sono i concetti chiave della serata di martedì, quando Progetto Concittadino, per la sua serie di incontri #10×9, ha posto le sue dieci domande a Rossella Dimaggio, assessora a Servizi Educativi e Pari Opportunità, intervistata per l’occasione da Marina Protasoni, delegata per la lista civica alla commissione consiliare Servizi Educativi. Un incontro di intenti, quello tra l’assessora e l’associazione nata dalla lista civica, che fin dall’inizio del mandato ha portato frutti importanti e fatto nascere progetti rivoluzionari per la città.

Un importante punto di incontro tra Progetto Concittadino e Rossella Dimaggio riguarda una delle decisioni più importanti prese finora: la rimodulazione delle rette dei servizi parascolastici. «Abbiamo rimodulato le tariffe e inserito nuove fasce di reddito per favorire i redditi medio bassi, che in questo modo pagano qualcosa in meno, chiedendo qualcosa di più ai redditi maggiori. Per farlo, abbiamo inserito altre fasce di reddito – ha spiegato Dimaggio – non solo “oltre i 30mila euro”, ma anche oltre i 55mila. In questo modo, abbiamo reso più equo il sistema».
Ma non si parla solo di rette: anche di tempi. L’assessora ha dichiarato la precisa volontà di favorire il doposcuola “lungo” e di cercare di estendere il più possibile tra gli istituti l’orario di tempo pieno: «Tra servizi parascolastici, mensa e permanenza in classe, diamo un servizio che va dalle 7.30 alle 18.30». Un servizio fondamentale, soprattutto in quelle famiglie con entrambi i genitori lavoratori ad orario pieno.
Un importante progetto per il futuro riguarda la possibile apertura degli edifici scolastici ai rioni, associazioni e semplici gruppi di cittadini: «Vorremmo favorire la cittadinanza attiva – ha sottolineato Dimaggio – chiedendo di creare insieme i progetti che facciano vivere le scuole anche oltre l’orario di permanenza di ragazze e ragazzi».

La diretta della serata sulla pagina Facebook @progettoconcittadino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *